Dizionario Sararlo-Italiano

Photo Magnum Agency

Photo Magnum Agency

IL SENTIERO DEI PANDA

Powered by Sararlo 06 September 2006 ·

Non voleva essere un manifesto, ma un semplice sentire spontaneo, sorto dall' emozione di una tavola senza pretese. Nacque qui il termine "Locali Panda", uno dei tanti neologismi che però, a distanza di anni, anche ora, nel tardo 2009, viene ripreso, anche da altri, su Idr per identificare (o richiedere) locali semplici del buon mangiare dietro l'angolo.

Ieri sera sono capitato, oserei dire per caso, in un locale che mi ha divertito, la Trattoria Pegorer, a S.Giacomo di Carbonera. Treviso East.Side La piacevolezza dei piatti e dell'esperienza la posterò a parte. Tuttavia, sulla strada del ritorno, il mix di retrogusti mi ha portato a fare alcune considerazioni * E' sempre più difficile trovare un Trattoria "vera" * Un'Osteria vera propone dei piatti, evergreen, al di là delle mode,e i modi sono quelli semplici, senza fronzoli, ma essenziali e di sostanza di quella che si potrebbe definire la cucina della  nonna, ma una Nonna vera, non da cartolina; quella che andavi a trovare dopo la scuola.
* E' difficile, con queste premesse, trovare qualcosa e pure divertirsi con meno di 20 euro
* Giustamente, molti locali, per sopravvivere, o comunque ritagliarsi la loro fetta di mercato, fanno la politica dei prezzi, ma si sa che, il più delle volte, la quadratura del cerchio è impossibile e qualche taglio, da qualche parte, bisogna pure farlo. Ecco allora che arrivano sul tavolo mappazze incredibili, scaldate, strariscaldate e , magari, con la caccola del commensale precedente, riscaldata pure quella. Ho trovato una cucina espressa, o, quantomeno, il più...espressa possibile.
* Con Osterie d'Italia, Slow Food, anni fa si era attrezzato a Panda.saver di realtà che, nella mia impressione, si sono "imborghesite" e di osteria, spesso, mantengono solo l'insegna, dentro trovi tovaglie di fiandra e cristalleria Riedel.
* Sono i locali di "Resistenza umana" che vanno salvati, questi Panda della ristorazione, i locali dei "Blue Collar", quelli che devono conciliare alimentazione quotidiana con una spesa settimanalmente ripetibile. Il Blue Collar mangia Cassoela o Pasta e fagioli, non si balocca a mezzogiorno con il tramezzino con la lattughina o con l'insalatina con i pomodorini...
* Sono locali che non appariranno mai in nessuna guida, neanche quelle a monitoraggio regionale, in quanto la loro fama non supera un ambito di abitualità viciniore,  ma sono anche locali, per cui, obiettivamente, non vale la pena inforcar l'auto per fare 20-30 chilometri, in quanto, nello stesso raggio d'azione palatale, si incontrano Ristoranti con la R maiuscola che vale la pena visitare o rivisitare. Sono tuttavia locali veri, autentici, depositari di riti che vanno anche oltre il semplice piatto o la ricetta con non provavi più dai tempi in cui scrivevi ancora la letterina a Babbo Natale e sulla cucina economica la Befana lasciava i suoi cadeaux. Ecco, sono locali che vanno salvati, fatti conoscere, aiutati nella loro opera di resistenza al caro Euro, al Risto.Ticket, alla Pizza a 7 Euro E, allora, mi è venuto in mente che oltre alla Trattoria Pegorer ci sono altre di queste realtà misconosciute, questi Panda per cui devi percorrere sentieri sconosciuti alle mode, alle guide, ai luoghi comuni. Mi è venuto in mente che su questo NG. ho letto che a Milano c'è un "Albero Fiorito" (mi pare si chiami così)che mi ha molto incuriosito e, un giorno, marinerò la cucina di Aimo o quella di Cracco e andrò a cercare questo Panda meneghino. Mi è venuto in mente che, da postate private con Apuo, esistono luoghi
incredibili nel suo territorio, locali semplici, per scavatori apuani, ma dall'atmosfera e dai piatti che merita conoscere. Ecco, mi sono detto, perchè non comporre, via NG., una foto di gruppo di questi locali, ognuno di noi ne ha nel cuore, nella memoria, anche nella frequentazione alternata a locali stellari o sushi-trender, qualcuno da ricordare. Credo possa essere uno spunto interessante, originale, e forse facciamo contento anche Filippo Ronco regalandogli delle esclusività ghiottone. A dopo. Sararlo.    

 

Categoria: Sararliche

Tags: Locali Panda, Idr

Questo sito è un Minotauro Virtuale,
nato dall'incrociarsi
di racconti scritti e visivi,
in un luogo di confine tra
un Vittoriale Gastronomico
e il Paese dei Gastrobalocchi

Confraternita Cavalieri delle Calandre
in punta di trapano e forchetta

Condannati a godere

Tag principali

fabio barbaglini stefano pinciaroli cucina della memoria guido cuomo zuppa di miso beccacce dario cecchini michela murgia - accabadora - premio campiello - vittorio sgarbi - vittoria risi franco colombani indro montanelli famolo strano monsieur - treviso - franco de pieri - michele bressan - giancarlo pasin alex lorenzon edwige fenech identità golose giovanni chiades paolo giraldo - colli euganei - chef emergenti - gianni frasi - franco zanovello - simone bressan - davide filippetto la lucanda enzo vizzari piovraburgher famiglia alajmo marco merighi da enzo spirito di vino bob noto - ferran adrià - va.langa - giorgio grigliatti - alessandra meldolesi - antiruggine il trigabolo roberto gobbi caffè groppi sakè giobatta panciera alessandro ungheretti stefano parenti alessandro sgaravatti l'essenziale massimiliano alajmo marco reitano il gusto per la ricerca - fondazione città della speranza - romina savi - da vittorio - raffaele alajmo - massimiliano alajmo - chicco cerea - roberto cerea - mauro uliassi - paolo lopriore - pino cuttaia - italo bassi - riccardo monco - gianluca fusto - davide paolini - fausto arrighi - faith willinger piero pompili premio selezione campiello 2010 - gianrico carofiglio - gad lerner - michela murgia - laura pariani - antonio pennacchi umberto giraudo scampi di memoria massimo del passo - vodopivec sararlo senza confini patatone fabio scarpitti massimo foffani ittiturismo lacustre alessandro breda pietro menegante massimiliano alajmo - raffaele alajmo - lorenzo dante ferro - angelo sabbadin

© 2009 - 2018 powered by Sararlo

progetto grafico Helvetika · sviluppo Quamm Web Agency Padova