Dizionario Sararlo-Italiano

Photo Magnum Agency

Photo Magnum Agency

UN CAMPIELLO MERITATO

Powered by Sararlo 08 September 2010 ·
UN CAMPIELLO MERITATO

Michela Murgia ha vinto, meritatamente, Il Campiello.
Sul valore di "Accabadora" non avevamo dubbi, era il migliore tra i selezionati lo scorso giugno e di cui vi abbiamo raccontato a suo tempo.
Sul fatto che Michela fosse persona tosta ne eravamo certi.
Solare, cristallina nel suo rapporto personale con l' umanità di ogni giorno, si è dimostrata ugualmente all' altezza anche con i "potenti", mettendo in riga con sferzante (e disarmante) ironia una vecchia volpe mediatica quale Bruno Vespa.
Che Il Campiello abbia premiato la Murgia premia soprattutto il Campiello, a nostro avviso.
Mai come quest' anno il confronto con l' altra istituzione letteraria italiana era stata così serrato. Parliamo dello Strega, ovviamente, laddove le pressioni (inevitabili) degli editori sono tradizionalmente prassi consolidata. Questo è più difficile che si verifichi con il Campiello, non tanto per come è strutturata la selezione iniziale (con la Giuria dei letterati), ma perché la smazzata finale dei voti è in mano a una Giuria dei lettori tenuta rigorosamente segreta sino all' ultimo laddove i 300 selezionati e privilegiati prescelti cambiano di anno in anno.
Suggestiva la cornice del gran finàl, ovvero una Fenice in gran spolvero, con belle dame tirate al meglio dal parrucchiere (o dal bisturi). Alcune in lungo d' ordinanza, altre con spacchi, mini ascellari o decolleté border line, quasi inguinali. Molti i vip presenti, dal past Doge Galan, ai padroni del vapore Doris e Marcegaglia, passando per un ubiquitariamente scapigliato Vittorio Sgarbi. In una elegante e generosa (per l' occhio) mise rigorosamente verde ... pisello Vittoria Risi, la pornostar resa famosa dal più vulcanico critico d'arte nazionale per una comparsata a fianco di alcune opere del sommo pittore Giorgione da Castelfranco. La facies della bellezza proibita, in effetti, prometteva torbidità assortite. La carrozzeria, invero forse non adeguatamente valorizzata dal pisellone cromatico, era inferiore ad altre fuoriserie confindustriali (o presunte tali) che s.tacchinavano, di calibro più o meno 12, per loggioni e gallerie fenicie.
Decoroso, considerato il contesto, il catering del bravo Celeste da Venegazzù.

Categoria: Sararlo altrove

Questo sito è un Minotauro Virtuale,
nato dall'incrociarsi
di racconti scritti e visivi,
in un luogo di confine tra
un Vittoriale Gastronomico
e il Paese dei Gastrobalocchi

© 2009 - 2017 powered by Sararlo

progetto grafico Helvetika · sviluppo Quamm Web Agency Padova