Dizionario Sararlo-Italiano

Photo Magnum Agency

Photo Magnum Agency

MACELLERIA FALASCHI - San Miniato - PI

Powered by Sararlo 22 August 2005 ·

Se siete usi a leggere il Vernacoliere, forse del Falaschi 'un ne sapete nulla, troppa è la nostalgia di Luana la Baby Sitter e poi il settore "ciccia" è appannaggio di Alvaro 'l laido (o forse mi sbaglio, il porchettaro è la stessa persona?), ma se siete cultori di "ciccia" secondo i dettami di Monsignor Della Casa una segnalazione che, P.T.L. a parte, per chi autoctono non è, è stata piacevole scoperta. Chi scrive è, aihmè, noto come cultore di "ciccia" e dintorni; sempre chi scrive ha visto la propria vita cicciaiola sconvolta dalla conoscenza del "Cazza" superstar, apparente contraddizione di termini in quanto si parla del Franco beccaio che esercita in quel di Romanengo... e qui so che lcr ne avrebbe da raccontare pure lui ... Ma veniamo a bomba, anzi "a ciccia", tanto per non andar fuori tema. Dopo la piacevole (e plurima) esperienza in quel di Cerreto Guidi, che mi illudo qualcuno abbia sbirciato, era conseguente approfondire chi faceva da sherpa suin-vaccino al talento e all'estro del "pincia" Cerretese. Ed ecco profilarsi all'orizzonte, in una San Miniato che già di suo si erge, micro S.Gimignano, all'occhio panoramico nel raggio di ...anta chilometri, la Premiata Macelleria Falaschi che "da 3 generazioni deliziano la tavola" come recita il refrain ripreso in ogni dove. Da cicciaolo integralista, dopo prelibata cena, era conseguente presentarsi all'alba dal trinciante, considerato che, ogni beccaio che si rispetti, all'alba, cioè alle 7.00 a.m., è già presente dietro la sua trincea ... trinciante. Poichè questa non vuol (e non potrebbe) essere una Rece, ma solo una segnalazione, alcune riflessioni personali, magari utili a chi P.L.T. non è e, quindi, venendo da "hic sunt leones" e avendo magari solo origliato il (pur) pregevole Cecco da Panzano, è curioso di saper se c'è qualcosa di
nuovo nell'aria, anzi, nella stalla. Allora. Sergio Falaschi è fior di professionista. Franco Cazzamali sta a lui come Gary Cooper a George Clooney (quindi... fate vobis, parliamo di appeal trinciante, of course!) La Macelleria è ben curata; si coglie molta attenzione nel comunicare il livello di qualità che si vuol far percepire all'avventore. Vi è anche un sito, molto ben curato: www.sergiofalaschi.it, dove si possono apprendere ulteriori dettagli. L'impressione è che si punti molto sulla Cinta Senese. Chi scrive non è in grado di sapere se, nel tourbillon che ha fatto rinascere la Cinta dall'oblio del boom economico, targato anche Large White, la Cinta cui fa riferimento il Falaschi presenti quarti, ottavi o quant altro di integrale nobiltà genetica; fino a metà anni novanta a noi risulta che solo un allevatore, ora nonagenario, era rimasto titolare di DNA integrale, ma chissà con il tempo... Quello che posso dirvi è che il salame di maiale è ottimo. Il Filetto mangiato dal Pincia ha spinto alla visita, e con questo credo sia sufficiente. Ci sono millaltrecose targate "cintate" ma, francamente, per noi, il primum movens era stata la fantastica chianina, sempre Pincia's cooked. Ebbene, leggesi al banco che tale chianina proviene da allevamento biologico di tale Roberto Romagnoli. Dalle scarne note dovute per legge viene quasi da pensare che si seguano, oltre alle scontate dichiarazioni biologhche e biodinamiche, anche quei criteri di tracciabilità
filogenetica finora seguire solo dal consorzio "La Granda" che il Cazza ci ha mediato con la sua arte per la Fassona Piemontese. In effetti la carne è molto succulenta, non vi è quella prevalenza di fribra che avevano trovato in un contest già accennato svoltosi in quel di Rubiera (Osteria del Viandante) l'anno scorso. Una chianina, questa sì, degna di tenere il confronto con la Fassona superstar. Altre note? Estrema disponibilità del personaggio. Piccola brochure a supportare,
anche culinariamente, le ricchezze del luogo,  dal Mallegato (una specie di salame medievale, conciato con sanguinaccio e spezie assortite, Presidio S.F.)ad altre golosità, anche di originalità autoctona,(come il Salame al Vino o la Spuma di Gota). Eccellente l'assistenza tecnica di una persona, come il Falaschi Sergio,
uso a conciliare in maniera pregevole, capacità comunicative, con rigore e ricerca professionale. Fa anche servizio spedizione con contenitori termici per cui, chi vuole, può deliziarsi con le di lui carni, dal Manzanarre al Reno, dalla Dora Baltea sino al Tagliamento.
Prosit. Sararlo.

Macelleria Sergio Falaschi
Via Augusto Conti, 18-20
56027 S.MINIATO (PI)
Tel. 0571 43190
www.sergiofalaschi.it

 

Categoria: Sararliche

Questo sito è un Minotauro Virtuale,
nato dall'incrociarsi
di racconti scritti e visivi,
in un luogo di confine tra
un Vittoriale Gastronomico
e il Paese dei Gastrobalocchi

© 2009 - 2017 powered by Sararlo

progetto grafico Helvetika · sviluppo Quamm Web Agency Padova