Dizionario Sararlo-Italiano

Photo Magnum Agency

Photo Magnum Agency

VERONELLIANA - Gino Veronelli raccontato da chi lo ha vissuto.

Powered by Sararlo 15 September 2009 ·
VERONELLIANA - Gino Veronelli raccontato da chi lo ha vissuto.

Gian Arturo Rota è un amico cui mi legano affinità elettive profonde tanto più che, in questi anni, ci saremo visti si e no 2-3 volte. Persona di rara sensibilità, cultura, senso dell' amicizia. Forse non è un caso che, sulla sua strada, abbia incontrato Gino Veronelli, con cui ha avuto un lunghissimo (24 anni) e stretto rapporto, familiare e professionale. Lo ringrazio, ora che è Direttore della Veronelli Editore, per aver accettato di scrivere per il nostro sito, inaugurando una sezione cui tengo molto: Special Guest Book, ovvero una pagina libera in cui il contributo di uno è per la condivisione di tutti. E' un salottino tra amici, che presto vi riserverà nuove e, mi auguro, piacevoli sorprese.

Powered by Sararlo


Ho conosciuto Gino Veronelli (intendo come atto formale) nell'inverno 1985, lui già da tempo prestigiosa e popolare personalità, io ventunenne con un futuro tutto da inventare; sapevo di lui da un paio di lustri, per i ricordi della trasmissione A tavola alle 7, per la circolazione in casa mia del mensile Vini e Liquori e, ancor più, per le parole ammirate di mia madre, sua devota lettrice (seppur talvolta in disaccordo su qualche ricetta; ah, il controverso tema, per le mille e una varianti, della cucina...).
E' stato un incontro breve e cordialissimo, e non vi dico l'incredulità e l'emozione di mia madre appunto, quando le dissi che lo avevo avuto di fronte a me, in carne e ossa: un sorriso che mantenne per ore e due occhi così brillanti che avrebbero rischiarato la più buia delle stanze.
Lo rincontrai, su suo invito, qualche mese dopo; mi chiese, lui in cerca di un giovane, se ero disponibile e interessato a occuparmi della risistemazione della sua biblioteca (personale e professionale). Disponibile e interessato, gli risposi: sei mesi - tra i più divertenti e intensi della mia vita - d'immersione in uno spazio di duplice valenza: fisica (la biblioteca occupava un intero piano della casa) e intellettuale (toccavo con mano volumi mai visti né conosciuti, persino rari e preziosi; ma, ad infiammare il mio già elevato entusiasmo, fu, per me studente di Scienze Religiose, la serie di testi del ‘700 francese, ovvero la culla dello scientismo e del più feroce anticlericalismo; una letteratura del tutto opposta - per le irreverenze, ma non solo per queste, degli autori - a quella del mio corso universitario... scoprii così l'ateismo, ma nessuna irriverenza, di Veronelli). Ebbi non poche gioie da quell'incarico, e il privilegio - che mi concesse con una semplicità di modi disarmante ma con l'avvertenza del massimo rispetto - di consultare quelle opere; e non mi precisò di farlo "fuori orario", così come non mi aveva dato orari "dentro": "organizzati da te, a me importa che ti applichi al meglio e con intelligenza in ciò che ti affido" (lezione fondamentale sul concetto di responsabilità).
Man mano i giorni trascorrevano e la catalogazione prendeva forma, compresi che la sua grandezza stava, oltre che nelle superiori doti, nelle geniali intuizioni e in una determinazione incredibile, anche nell'immenso (10000 libri circa) giacimento letterario di cui poteva disporre e su cui si era - scolaro prima, giornalista/scrittore/esperto poi - formato, e continuava a formarsi: la lettura per lui era linfa, vita.
Fu soddisfatto del mio lavoro. Me ne propose uno nuovo, curiosissimo (poi scoprii essere un banco di prova su me): la realizzazione di un libro sugli aspetti negativi del popolo svizzero. (continua... se piace)

Gian Arturo Rota

 

Categoria: Special Guest Book

Questo sito è un Minotauro Virtuale,
nato dall'incrociarsi
di racconti scritti e visivi,
in un luogo di confine tra
un Vittoriale Gastronomico
e il Paese dei Gastrobalocchi

© 2009 - 2017 powered by Sararlo

progetto grafico Helvetika · sviluppo Quamm Web Agency Padova